Vincenza: “La mia crescita grazie ad Adecco”


Vicenza Caccavo foto

Vincenza Caccavo, 32 anni e una Laurea in Comunicazione, è account hosting in Microsoft, a Milano, e ha le idee molto chiare sul suo futuro professionale: vuole crescere e affinare le proprie competenze commerciali. Un obiettivo maturato soprattutto dopo il suo incontro con Adecco, 3 anni fa. Un incontro casuale, in seguito alla candidatura a un annuncio online.

Vincenza, di cosa ti occupi?
Lavoro da poco più di due anni e mezzo in Microsoft dove seguo una lista di partner come tele account manager. Poi mi occupo anche di compliance, cioè offro supporto per monitorare le licenze e verificare che siano rispettate le regole  relative.

Quali sono le competenze che metti in gioco nel tuo lavoro?
Quelle legate alla costruzione della relazione con i partner, che significa riuscire a ottenere la loro fiducia. Servono empatia e capacità di costruire una relazione che dia frutti nel lungo termine: occorre riuscire a entrare proprio all’interno delle dinamiche dell’azienda partner, decidendo con i loro referenti le strategie da adottare. E poi metto in gioco anche competenze più tecniche e informative.

Come sei approdata in Microsoft dopo la tua laurea in Comunicazione di Massa?
Quando mi stavo laureando collaboravo con un giornale locale, speravo di poter continuare ma per una serie di casualità sono entrata in un call center dove ho lavorato come operatore telefonico outbound e generazione di lead. Successivamente ho lavorato in ambito sales in un’altra azienda per 9 mesi, seguendo le trattative per l’offerta IT, ma il lavoro che svolgevo era molto diverso dalla aspettative. Allora mi sono rimessa in gioco e cercando lavoro online mi sono imbattuta in un annuncio Adecco per Microsoft. Ho sostenuto tre colloqui e ho superato la selezione. Credo che il fatto di aver avuto precedentemente l’opportunità, in call center, di entrare in contatto con questa azienda e di comprenderne il business, sia stato un punto a mio favore: praticamente ero già formata.

Come ti vedi tra dieci anni?
Faccio fatica a vedermi in un lasso di tempo così lungo, mi piacerebbe magari cambiare ruolo e lavorare a più stretto contatto con le persone, non solo telefonicamente come avviene oggi. Nell’ultimo anno ho scoperto che è bello andare in visita presso i partner e ambirei a un ruolo sempre commerciale ma più dinamico. Per riuscirci mi sto anche formando molto, sia con corsi di Microsoft che di Adecco, dove in particolare ho avuto l’opportunità di vincere proprio un corso di marketing che inizia a luglio.

Cosa significa per te crescita professionale?
Avere una conversazione di business con un partner, essere persuasivi, convincere mostrando il valore aggiunto del nostro servizio in un mercato molto competitivo. Anche nelle piccole cose crescere significa riuscire a lavorare bene in team, saper parlare banalmente con i propri colleghi, riuscire a costruire e lavorare ogni giorno per raggiungere obiettivo condivisi. Non è scontato, non tutti ci riescono. In questa esperienza in Microsoft ho sviluppato parecchio queste capacità, sto crescendo tanto e anche in fretta: è un ambiente esigente e allo stesso tempo ti dà tanto. Ti offre strumenti per lavorare bene ma è anche fortemente competitivo. Bisogna riuscire a lavorare con gli altri in squadra ma in maniera sana.

Cosa pensavi di Adecco prima di lavorarci?
La conoscevo poco, non avevo idea di come fosse. Con voi ho sempre trovato apertura, chiarezza e tanta disponibilità. Oggi sono serena rispetto al mio lavoro e soddisfatta, tutto ciò grazie a quel giorno in cui per caso ho inviato il mio CV.