Dopo il colloquio

Dopo il colloquio? Attendere prego...
Articoli


Una volta che il curriculum vitae e la lettera di presentazione hanno aperto le strade ad un colloquio e questo è stato ultimato, non resta che attendere serenamente il verdetto. Sì lo immaginiamo, dopo la carica di adrenalina che hai avuto in questo periodo, non è molto facile stare semplicemente fermi ad aspettare. 

Nel frattempo però ricordati che tra le cose da fare dopo il colloquio, un gesto di interesse e gentilezza è quello di inviare un’e-mail al recruiter che ha condotto il colloquio ringraziandolo per il tempo dedicato.
Se dopo un paio di settimane non hai notizie, e se in sede di colloquio non ti è stato esplicitamente chiarito che la selezione durerà più a lungo, puoi provare a contattare telefonicamente o via e-mail il recruiter o l’azienda per avere informazioni sullo stato di avanzamento della selezione.
Il colloquio non va a buon fine? Scopri il modo migliore di reagire! 
Ti è andato male il colloquio e ora sei davvero giù, ahhh grave errore!! Innanzitutto, non devi assolutamente perderti d’animo. L’aver fatto il colloquio è già un segnale positivo: il selezionatore, infatti, ha ritenuto il tuo profilo interessante per la posizione e la scelta dipende da tanti fattori, alcuni oggettivi ma altri soggettivi, che quindi non necessariamente sono imputabili a te o all'esito del colloquio stesso.
Partecipare ad un colloquio, inoltre, è sempre un utile esercizio che permette di migliorare la volta successiva: quindi è bene tenere a mente i passaggi in cui si è stati in difficoltà, le domande che sono state poste, i momenti in cui invece ci si è mostrati convincenti e sicuri di sé. Tutto potrà tornare utile per il prossimo colloquio. 

Non solo: non essere assunti ora, per una determinata posizione, non significa non andar bene per quell’azienda. Il selezionatore potrà tenere a mente il tuo profilo e il colloquio e richiamarti in caso di eventuali opportunità di lavoro o posizioni aperte in azienda.

Guarda il video su come comportarsi dopo il colloquio.

Scopri tutti i consigli per “allenarsi” a trovare lavoro, e scopri quanti tipi di colloquio esistono e come fare per arrivare preparati.




Articoli correlati

Colloquio di lavoro: struttura e domande tipiche

Se la ricerca di lavoro fosse un oggetto, sarebbe una scala e il colloquio il primo gradino per raggiungere la vetta più alta. Ottimo, sei riuscito a metterci i piedi ma devi dimostrare di riuscire a salire fino in cima. Il colloquio di lavoro è il momento chiave di incontro tra il candidato e il responsabile dell’azienda incaricato di trovare la persona più adatta per occupare la posizione.

Come funziona quindi un colloquio di lavoro? Quali sono le domande da colloquio più gettonate?


Altro
Assessment: che cos’è e come affrontarlo

L’assessment è una metodologia di valutazione del personale per individuare l’insieme delle caratteristiche comportamentali, delle attitudini, delle capacità e competenze individuali proprie di ogni risorsa.

In altre parole, le aziende utilizzano sempre di più gli assessment perché in questo modo possono valutare come si comporta il candidato in un contesto sociale di più persone, aspetto fondamentale se la posizione da ricoprire prevede la collaborazione all’interno di un team.

Altro