Soft Skill: le competenze personali per il tuo CV

Cosa sono e quali le soft skill più importanti richieste dal mondo del lavoro: elenco completo di caratteristiche e qualità umane da avere.

Articoli

Il curriculum vitae è il documento principale da presentare per provare a entrare nel mondo del lavoro, spesso però è incompleto. Tutti sanno che nel curriculum vanno indicate le esperienze lavorative e il percorso formativo, ma non è finita qui! I candidati spesso dimenticano del tutto di segnalare le proprie soft skill mentre, magari, si dilungano su titoli acquisiti per corsi di poca importanza rispetto alla candidatura inoltrata.

In parole semplici, per soft skill si intendono tutta quella serie di competenze trasversali che nella vita lavorativa sono importanti come o più delle competenze tecniche e professionali acquisite con l’esperienza (hard skill). Fra le soft skill, le principali e più richieste nel mondo del lavoro sono:

  • saper comunicare efficacemente;
  • saper lavorare in gruppo;
  • essere in grado di tenere testa allo stress.

Quando utilizziamo il termine soft skill stiamo parlando, quindi, di capacità relazionali e comportamentali, che caratterizzano la nostra persona e indicano il modo in cui ci poniamo rispetto il contesto lavorativo nel quale operiamo o vorremmo operare. Le soft skill sono importantissime anche per potersi rapportare in modo ottimale con tutte le persone che fanno parte del proprio ecosistema lavorativo: colleghi, responsabili ed eventualmente clienti.

Le soft skill dipendono, essenzialmente, dal background socio-culturale di ognuno di noi, e sono la risultanza di una serie di comportamenti ed esperienze di vita lavorativa e non.

Oltre alla comunicazione efficace, all’attitudine al team-work e alla gestione dello stress, ci sono altre soft skills molto apprezzate (da inserire nel cv se si ritiene di possederle):

  • autonomia: ossia la capacità di svolgere i task assegnati senza il bisogno di una costante supervisione;
  • autostima e fiducia in se stessi: essere consapevoli delle proprie capacità, al di là delle opinioni altrui, è fondamentale;
  • capacità di adattamento ad aziende e contesti lavorativi;
  • resistenza allo stress e relativo controllo: saper reagire alla pressione lavorativa e mantenere il controllo senza perdere il focus sulle priorità lavorative e non trasmettere ad altri ansie e tensioni;
  • pianificare e organizzare: identificare obiettivi e priorità, sapere tener conto del tempo a disposizione e organizzare il lavoro delle eventuali risorse a disposizione;
  • precisione e attenzione ai dettagli: sapere curare i particolari è spesso la differenza fra un buon lavoratore e uno eccellente;
  • tenersi aggiornati: individuare le proprie lacune e le personali aree di miglioramento per acquisire sempre più competenze. È importante dimostrare di essere proattivi nell’apprendere e curiosi verso le novità che interessano il proprio settore;
  • lavorare per obiettivi: impegno, capacità, sostanza e determinazione per raggiungere gli obiettivi assegnati e andare, quando e dove possibile, oltre;
  • gestire le informazioni: saper acquisire, organizzare e distribuire dati e conoscenze provenienti da altre fonti e persone;
  • intraprendenza: lo spirito di iniziativa e la proattività sono sempre caratteristiche apprezzate e preziose in un contesto lavorativo;
  • saper comunicare: saper trasmettere e condividere in modo chiaro e sintetico, magari in più lingue, idee e informazioni con i propri interlocutori, ma anche saper ascoltare ed essere disposti a confrontarsi in modo costruttivo. Questa abilità ti tornerà molto utile anche in caso tu ti trovi ad affrontare un colloquio di gruppo;
  • problem solving: la capacità di non perdere il controllo davanti un problema inaspettato e avere la lucidità per intervenire e risolvere. L’approccio analitico e razionale ai problemi è particolarmente apprezzato;
  • team work: capacità e disponibilità di lavorare in gruppo;
  • leadership: innata capacità di saper guidare, motivare e trascinare i membri del proprio team verso mete e obiettivi ambiziosi.

Articoli correlati

Cover letter in inglese: guida e consigli

Guida completa su come scrivere una lettera di presentazione in inglese: consigli e suggerimenti per presentare una cover letter efficace.

Altro
Lavorare all’estero: una grande sfida con tante opportunità

Quella di lavorare all’estero è una scelta che racconta quanto si è determinati a trovare la propria strada nella vita, ed è un’opportunità che in molti, giovani soprattutto, prendono in considerazione, sia per esperienze professionali a breve termine che con l’intenzione di un vero e proprio cambio di vita. Per trovare lavoro all’estero però è bene tenere in considerazione alcuni fattori che differenziano il mercato del lavoro italiano da quello di altri paesi, ed è necessario sapere come muoversi in un contesto culturale diverso. La tua esperienza di lavoro all’estero inizia anche con un’adeguata preparazione e con gli strumenti quali curriculum e lettera di presentazione. Sei pronto?

Altro