Soft Skills: cosa sono ed esempi pratici per il tuo CV

Soft Skills: cosa sono, perché sono importanti e quali inserire in fase di compilazione del tuo Curriculum Vitae. Scopri tutti i consigli di Adecco.
Articoli

Cosa sono e quali sono le Soft Skills più importanti richieste in campo lavorativo? Ne parliamo in questo approfondimento di Adecco, spiegandoti perché sono importanti e perché è bene inserirle nel CV, oltre a fornirti qualche esempio pratico.

Soft Skills: cosa sono?

Il Curriculum Vitae è il tuo biglietto da visita per entrare nel mondo del lavoro. È risaputo che per creare un CV è necessario indicare le proprie esperienze lavorative e il percorso formativo: ma non è tutto. I candidati spesso dimenticano del tutto di integrare il documento anche con una lista delle proprie Soft Skills.

Ma che cosa si intende per “Soft Skill”? Potremmo tradurre in italiano queste due parole inglesi come le “abilità personali”. In particolare, il concetto di Soft Skill fa riferimento a quelle competenze legate all'intelligenza emotiva e alle abilità naturali che ciascuno di noi possiede.

Le Soft Skills non riguardano delle competenze tecniche, ma piuttosto sono legate a come interagisci con i colleghi, risolvi i problemi e a come gestisci il tuo lavoro.

In altre parole, si tratta di tutte quelle competenze trasversali che nella vita professionale sono essenziali.

Qual è la differenza tra Soft e Hard Skill

Le Hard Skills si riferiscono alle competenze tecniche della persona. Ogni posizione in azienda richiederà un determinato tipo di competenze tecniche e Hard Skill per svolgere il lavoro in modo efficace. Per esempio, tra le Hard Skill possiamo trovare la capacità di utilizzare software, programmi di grafica o altri strumenti tecnici richiesti dal ruolo per cui ci si candida. 

Le Soft Skills sono, come abbiamo avuto modo di capire, caratteristiche più trasversali e pertinenti ai tratti specifici della personalità.

Perché le Soft Skills sono importanti?

Le Soft Skills sono fondamentali per rapportarsi in modo efficace con le persone che fanno parte del proprio contesto lavorativo: colleghi, responsabili, clienti, fornitori, ecc.

Dipendono, essenzialmente, dal background socioculturale di ognuno di noi, essendo il risultato del vissuto (lavorativo e non). Si possono inoltre rivelare essenziali durante un colloquio di lavoro al fine di essere scelti per un determinato posto di lavoro. Ad esempio, se due candidati hanno una formazione accademica e tecnica simile, è molto probabile che venga selezionato quello che si dimostra più collaborativo, flessibile, ovvero quello con un bagaglio di Soft Skill maggiore.

Quali sono le Soft Skills: alcuni esempi

Saper comunicare in modo efficace o gestire lo stress, avere un’attitudine al team-work, sono tra le Soft Skills più richieste in campo lavorativo da inserire nel CV se si ritiene di possederle. Ma ne esistono anche altre, vediamone alcune:

  • autonomia: per svolgere in autonomia le proprie mansioni senza che sia necessaria una supervisione da parte di un altro dipendente (ad esempio da parte del proprio responsabile);
  • autostima e fiducia in sé stessi: non farsi condizionare troppo dalle opinioni altrui è fondamentale;
  • capacità di adattamento in azienda in tempi brevi;
  • resistenza allo stress: essere in grado di tenere testa alla pressione lavorativa e mantenere il controllo sulle proprie priorità lavorative;
  • pianificare e organizzare: essere in grado di gestire al meglio il proprio tempo lavorativo;
  • precisione e attenzione per i dettagli;
  • studio e aggiornamenti: essere sempre aggiornato sulle tendenze del settore aiuta a rimanere al passo con i tempi e con le novità;
  • fissare gli obiettivi: una buona dote di determinazione aiuta il dipendente a raggiungere i propri obiettivi (e a superarli);
  • gestione ottimale delle informazioni: è connessa alla capacità di organizzare dati, informazioni e conoscenze così da sfruttarle al meglio al fine del raggiungimento dei propri obbiettivi;
  • intraprendenza;
  • essere un buon comunicatore: saper esprimere le proprie idee in modo chiaro, possibilmente non solo in italiano ma anche in inglese, permette al lavoratore di raggiungere in modo diretto e costruttivo il proprio pubblico, sia esso un altro collega, il proprio responsabile o un cliente. Questa abilità è molto utile anche durante un colloquio di gruppo;
  • Problem Solving: in presenza di un problema, un approccio analitico e razionale permette la risoluzione da parte del dipendente in tempi rapidi;
  • Team Work: è la capacità di lavorare in gruppo senza attriti;
  • Leadership;
  • saper negoziare: ci sono molti lavori diversi in cui le abilità di negoziazione sono apprezzate, tra cui settori come quello delle vendite, il Management, il Marketing, il servizio clienti, il settore immobiliare e legale. Ma, indipendentemente dal lavoro, essere in grado di negoziare una soluzione sul lavoro è sempre apprezzato;
  • abilità nei rapporti interpersonali: come si interagisce con gli altri è fondamentale. Essere dotati di empatia, saper ascoltare, sono tutte doti importanti per capire un collega in crisi, ma anche per andare incontro alle necessità di un cliente;
  • creatività: essere creativi non è una qualità che dev’essere ristretta al campo artistico. Il pensiero creativo è richiesto in tantissimi compiti professionali, per la risoluzione dei problemi e l’insorgere di nuove idee che aumentino la produttività;
  • saper ascoltare: aumenta le probabilità di comprendere i compiti e i progetti da svolgere, crea relazioni forti con i colleghi, permette di risolvere i problemi e conflitti.

Quali Soft Skill inserire nel CV

Tre le competenze che i datori di lavoro ricercano in un candidato vi è innanzitutto una buona capacità di comunicazione: interagire bene con i colleghi, esprimersi in modo chiaro, saper ascoltare e rispondere adeguatamente ai propri responsabili è fondamentale.

Essere resilienti, avere doti di leadership, saper gestire il proprio tempo e lo stress nell’ambiente di lavoro, essere puntuali nelle scadenze, sono tutte informazioni che puoi aggiungere come Soft Skills sul tuo Curriculum.

Per inserire le Soft Skills e redigere il tuo curriculum nel modo migliore, puoi consultare l’approfondimento di Adecco su come fare un CV e sui principali Tools online da utilizzare per la creazione del Curriculum: passo dopo passo ti guideremo nella stesura di questo documento, con esempi e consigli.

Articoli correlati

Cosa fare se il datore di lavoro nega la richiesta di permesso
Il datore di lavoro può negare un permesso al dipendente? Ecco cosa stabilisce la legge e come comportarti in caso di permesso negato.
Altro
Professioni e retribuzioni: quanto si guadagna in Italia?

Quali sono gli stipendi medi previsti per le principali professioni? Scopri su Adecco quanto guadagnano i lavoratori in Italia.

Altro