7 indizi che suggeriscono l'esito di un colloquio di lavoro

Quali sono i segnali che possono farci capire se un colloquio di lavoro è andato bene o no? Ecco gli indizi che ci aiutano a intuirne l'esito
Articoli

Che ci si candidi per il primo impiego dopo gli studi o che si voglia cambiare posto di lavoro, qualche timore quando si deve intraprendere un colloquio c’è sempre.

Una volta terminato l’incontro, come capire se ha dato esito positivo? Che cosa fare se l’azienda non ti richiama? Ecco alcuni indizi per capire se un colloquio è andato bene oppure no.

1. Il colloquio è durato più del previsto

Molte aziende, soprattutto quelle più grandi e strutturate, quando contattano il candidato forniscono un’indicazione circa la durata che questo avrà.

Se il colloquio dura di più rispetto alle tempistiche concordate è un ottimo indizio: per il recruiter il tempo è prezioso e se decide di concedertene più del previsto è molto probabile che ritenga il tuo profilo interessante e che voglia quindi approfondire più nel dettaglio le tue competenze professionali.

 

2. L'intervista è stata colloquiale

Ti sei trovato bene a parlare con l’intervistatore? L'intervista era più simile a una chiacchierata informale che a una fredda sessione di domande e risposte? Significa che sei riuscito a instaurare una buona relazione con il recruiter, ad esempio grazie alle tue soft skills.

 

3. Il recruiter ti ha “proiettato” nel ruolo

Se il recruiter ha pronunciato frasi come “Ricoprendo questa posizione, vorremmo che tu” piuttosto che “Vorremmo che il candidato selezionato” vuol dire generalmente che l’intervistatore ti sta immaginando nel ruolo per il quale ti stai candidando e che, quindi, il colloquio è andato bene.

 

4. L'intervistatore si è mostrato coinvolto

Quando hai risposto alle domande e hai parlato di te, hai percepito l’interesse del tuo interlocutore? Non prestare attenzione solamente alle sue parole, ma anche al linguaggio del corpo. Si è avvicinato, ha annuito, ha sorriso e ha mostrato di essere d’accordo con quello che dicevi? Sono tutti segnali positivi che attestano l’interesse del recruiter nei tuoi confronti.

 

5. Le tue domande sono state soddisfatte

Se il recruiter ha fornito risposte approfondite e dettagliate alle domande che hai posto si tratta di un buon indizio circa l’esito del colloquio.

6. Sei stato presentato ai possibili colleghi e superiori

Se il responsabile delle assunzioni ti ha presentato altri dipendenti verso la fine del colloquio è un segnale molto positivo. Questo è ancora più incoraggiante se queste persone rivestono un ruolo di responsabilità all’interno dell’azienda.

7. L'intervistatore esplicita i next step

Quando l'intervista si avviava verso il termine, il tuo interlocutore ti ha detto quale sarebbe stata la fase successiva (ad esempio, un secondo colloquio) e quando potresti aspettarti di ricevere una risposta? Questo potrebbe significare che hai una certa probabilità di arrivare allo step ultimo del colloquio.

Infine, cosa fare dopo un colloquio? Il colloquio è andato bene ma non chiamano e la tua tentazione è quella di contattare l’azienda? Il nostro consiglio è quello di attendere la comunicazione dell’esito positivo del colloquio (o negativo) senza contattare l’azienda e/o il recruiter per almeno una o due settimane. Passato questo periodo di tempo, potrai inviare una mail cortese per chiedere aggiornamenti e feedback sul colloquio fatto.

Articoli correlati

Colloquio di lavoro in inglese: come affrontarlo al meglio?
Esempi di domande standard, risposte possibili, frasi utili e consigli per dare una buona impressione e avere successo durante un colloquio di lavoro in inglese.
Altro
Video colloquio di lavoro: come affrontare l'intervista

La video intervista non sostituisce il tradizionale colloquio, ma è sempre più spesso uno degli step del processo di selezione. Scopri come affrontarla!

Altro