Green Pass obbligatorio per lavorare: gli obblighi per i dipendenti

A partire dal 15 ottobre 2021 entra in vigore l'obbligo di Green Pass sul luogo di lavoro. Quali sono gli obblighi e i diritti dei lavoratori?
Articoli

L’entrata in vigore del Green Pass obbligatorio per lavorare è il risultato finale di diversi atti approvati nel corso del 2021 dal Governo italiano.

Ma quali sono in definitiva gli obblighi e i diritti dei lavoratori italiani in materia di Green Pass e lavoro?

Green Pass obbligatorio per il lavoro: chi deve averlo?

A partire dal 15 ottobre 2021 e fino al 31 dicembre 2021 (salvo eventuali proroghe) è in vigore l’obbligo di Green Pass sul luogo di lavoro che prevede specifici obblighi e regole per le aziende e per i dipendenti.

Per prestare servizio sul luogo di lavoro è quindi necessario essere in possesso della Certificazione verde, da esibire su richiesta alla tua azienda.

Il Green Pass è indispensabile per accedere ai luoghi di lavoro pubblici e privati per:

  • personale delle Amministrazioni pubbliche e di Autorità indipendenti;
  • chi svolge un’attività lavorativa nel settore privato, anche con contratto esterno;
  • personale amministrativo e magistrati;
  • Colf e badanti;
  • chi svolge, a qualsiasi titolo, la propria attività lavorativa o di formazione o di volontariato nelle sedi dell’azienda (tirocinanti, collaboratori coordinati e continuativi, interinali, lavoratori autonomi, dipendenti di altra azienda in distacco).

Non ho il Green Pass: posso lavorare?

Se sei un lavoratore e hai l’obbligo di presentarti sul luogo di lavoro, il tuo ingresso è subordinato al possesso della Certificazione verde dal 15 ottobre al 31 dicembre 2021.

Qualora dovessi risultare privo di Green Pass al momento dell’ingresso presso il tuo luogo di lavoro, non potrai accedere agli uffici e verrai considerato come assente ingiustificato fino alla presentazione del Certificato verde.

Cosa succede se non ho il Green Pass?

Se sei un lavoratore senza Green Pass:

  • l’azienda non può prevedere conseguenze disciplinari;
  • hai diritto alla conservazione del posto di lavoro;
  • non hai diritto a ricevere retribuzione o qualsiasi altra forma di compenso.

Per il lavoro in Smart Working i dipendenti saranno tenuti a presentare il Green Pass solo se accedono fisicamente al luogo di lavoro.

Qualora venisse accertato che hai preso servizio senza essere in possesso di Green Pass sarai soggetto a una sanzione amministrativa compresa tra i 600 e i 1500 euro e il tuo comportamento potrà essere valutato ai fini disciplinari.

Per ulteriori informazioni puoi consultare il documento informativo sull’obbligo di Green Pass di Adecco.

Lavoratori esenti dal Green Pass

Sono esenti dall’obbligo di Green Pass sul lavoro le seguenti categorie di lavoratori:

  • persone che non possono ricevere/completare la vaccinazione anti Cov-19 per motivi di salute. Gli individui che rientrano in questa categoria, fino al 30 novembre 2021 devono presentare la Certificazione di esenzione dalla vaccinazione, rilasciata dai medici di riferimento;
  • persone che hanno ricevuto il vaccino ReiThera (una o due dosi) nell’ambito della sperimentazione Covitar (validità fino al 30 novembre 2021).

Articoli correlati

Indennità di disoccupazione: requisiti, quanto dura e calcolo NASpI
Indennità di disoccupazione: cos'è, come ottenerla, a quanto ammonta l'assegno di disoccupazione e come calcolare la NASpI 2021.
Altro