4 consigli per scrivere una mail di candidatura spontanea efficace

Ecco cosa scrivere in una mail di candidatura spontanea dall'oggetto e-mail alla conclusione. Segui i nostri consigli ed esempi per farti notare dalle aziende.

Articoli

Alcune offerte di lavoro non vengono pubblicizzate sulle piattaforme per la ricerca di impiego. Inviare una mail di candidatura spontanea può dunque rivelarsi utile, specialmente se viene scritta nel modo giusto e se è studiata per fare colpo sul recruiter.

Con il termine “candidatura spontanea” si intende una candidatura su iniziativa del lavoratore. Quest’ultimo sceglie di scrivere una lettera di presentazione e di inviare il suo Curriculum all’azienda in cui desidera lavorare.

Il vantaggio che questa apporta riguarda la velocità del processo: se l’azienda è interessata al lavoratore che si propone, non deve attendere l’apertura di posizioni lavorative sui portali di ricerca del lavoro. L’azienda fisserà invece subito un colloquio e deciderà velocemente se assumerlo oppure no. Di contro, è probabile che l’azienda non abbia al momento la necessità di un nuovo dipendente. La risposta potrebbe dunque tardare ad arrivare o non arrivare proprio.

Come scrivere una mail di candidatura spontanea?

Ecco quattro consigli che possono tornarti utili in fase di scrittura del testo per una candidatura spontanea.

1. Seleziona il giusto destinatario

Prima di tutto, è necessario capire come proporre la propria candidatura: puoi dedicare energie e tempo a scrivere l'e-mail perfetta ma se arriva nella casella di posta sbagliata il vero destinatario non potrà leggerla. Devi essere sicuro che il tuo contatto abbia la facoltà di assumere, o quantomeno di effettuare un colloquio: scrivere a indirizzi generici come “info@” o “hello@” difficilmente produce i risultati sperati. Come fare quindi?

  1. Consulta il sito Web dell'azienda e cerca i dettagli dei dipendenti (in genere li trovi nella sezione “Chi siamo” oppure sotto “Il team”);
  2. cerca l’azienda su LinkedIn e individua le persone che lavorano presso di essa: può rappresentare un buon metodo anche per familiarizzare con i diversi reparti e con la gerarchia del personale;
  3. telefona direttamente all'azienda e chiedi il nominativo di chi si occupa del reclutamento.

Durante la fase di ricerca, mantieni un comportamento educato e amichevole: fare una buona impressione anche a chi non ha il potere di assumerti ti aiuterà a costruire una reputazione professionale vincente.

2. Sii professionale

Utilizza una struttura testuale e un tono of voice formale: ricorda che stai scrivendo una lettera professionale e che vuoi fare una buona impressione.

Se hai il nome del contatto, inizia la tua e-mail con "Gentile [nome]". Se i tuoi tentativi di trovare la persona specifica alla quale inviare la tua lettera di candidatura non hanno avuto successo, puoi optare per "Gentile signore o signora" o “Spett.le [nome azienda]”.

Nomina l’oggetto dell’e-mail di candidatura spontanea nel seguente modo: "Candidatura spontanea - [nome] - [ruolo]".

3. Non dilungarti e vai dritto al punto

Chi riceve le mail di candidatura è spesso molto impegnato e riceve una mole vasta di messaggi come il tuo. Perciò è importante mettere in evidenza i punti salienti e non dilungarsi troppo. La lunghezza ideale non dovrebbe superare le 15 righe circa.

Non rispondendo ad un annuncio di lavoro è fondamentale evidenziare quali sono le tue Skills principali e descriverti in modo efficace e sintetico. Chiarisci i tuoi obiettivi di carriera e il motivo per cui hai deciso di candidarti. Se il recruiter ha chiaro cosa stai cercando, oggi e nel futuro, può valutare se l’azienda è in grado di offrirti quel preciso percorso di crescita.

A livello pratico, struttura la tua mail di candidatura spontanea in modo schematico:

  • primo paragrafo: descrivi come sei venuto a conoscenza dell’azienda;
  • secondo paragrafo: raccontati brevemente e spiega perché stai inviando un’e-mail;
  • terzo paragrafo: spiega cosa puoi offrire, come e perché pensi di essere un’aggiunta preziosa al team di lavoro. Se hai un’esperienza rilevante, assicurati di spiegare come le tue abilità possano tornare utili. Se possiedi risultati o qualifiche eccezionali, non essere timido nell'elencarli e sottolinea i benefici che possono apportare all’azienda;
  • quarto paragrafo: specifica perché sei interessato a lavorare con la specifica impresa e attira l'attenzione sul CV Considera di elencare brevemente alcune delle principali Skills che possiedi;
  • frase conclusiva: pensa a un invito all'azione, inserendo il numero di telefono a cui essere contattato per fissare un colloquio.

4. Effettua un follow-up

Non è importante solamente sapere cosa scrivere in una mail di candidatura spontanea: devi anche comportarti nel modo corretto nelle fasi successive all’invio.

Se non ricevi una risposta alla tua e-mail, non considerarlo un rifiuto automatico: il destinatario potrebbe averla messa da parte per consultarla successivamente oppure potrebbe non essere stato in grado di rispondere. Due sono, a questo punto, le modalità di follow-up che puoi adottare:

  1. se non ricevi notizie entro 15 giorni, puoi inviare nuovamente la stessa e-mail, cercando di attirare l’attenzione del destinatario;
  2. oppure, puoi fare una telefonata per verificare che effettivamente l’e-mail sia stata ricevuta e letta.

L’importante è non mettere pressione e non essere insistenti: la buona educazione e la gentilezza sono tutto, specialmente quando ci si candida spontaneamente.

 

Articoli correlati

Come rispondere quando chiedono 3 aggettivi per descriverti

Come rispondere quando ti chiedono quali sono 3 aggettivi positivi e negativi per descriverti durante i colloqui di lavoro? Ecco come raccontarti al meglio.

Altro
Riqualificazione professionale: i vantaggi per i lavoratori maturi

Quali sono le opzioni e i percorsi di riqualificazione professionale dei lavoratori maturi in situazioni di disoccupazione che vogliono tornare nel mondo del lavoro.

Altro