Le politiche attive del lavoro sono politiche finalizzate al sostegno dell’occupazione.

L’obiettivo principale delle politiche attive è finalizzato al reinserimento del disoccupato nel mondo del lavoro.

Queste azioni sono promosse dall’ANPAL - Agenzia Nazionale per le Politiche Attive del Lavoro, dalle Regioni e dai Comuni.

Chi ha accesso alle Politiche Attive del Lavoro?

Molteplici soggetti rientrano fra i destinatari delle politiche attive a sostegno del lavoro e bisogna sottolineare che questi possono variare a seconda del documento di programmazione in corso, nonché da Regione a Regione.

Attualmente i soggetti beneficiari delle politiche attive del lavoro sono:

  • inoccupati ossia chi è alla ricerca del primo impiego,
  • giovani under 30 è stato destinato il progetto Garanzia Giovani,
  • percettori dell’indennità di disoccupazione Naspi
  • percettori di reddito di Cittadinanza
  • donne, in un quadro di tutela alle pari opportunità,
  • disoccupati over 50, spesso sottoposti a un percorso formativo di riqualificazione,
  • lavoratori Cigs cioè i soggetti collocati in cassa integrazione e i lavoratori in mobilità,
  • categorie protette come orfani, disoccupati di lunga data, persone diversamente abili, ecc.
  • categorie svantaggiate e ultra-svantaggiate.

Per sapere se si ha diritto a una Politica Attiva finanziata rivolgiti a una delle filiali Accreditate.

Adecco: guida per le politiche del lavoro

Non è facile orientarsi nel complesso delle misure governative a sostegno del lavoro perché, come accennato, ogni Regione elabora autonomamente le proprie soluzioni.

Rivolgersi ad intermediari autorizzati che operano sull’intero territorio nazionale può rappresentare la soluzione ideale per il candidato che ha intenzione di accedere alle politiche attive del lavoro. Adecco offre numerosi servizi ed è in grado di individuare per ognuno il progetto ideale al fine di ottenere rapidamente il raggiungimento dell’obiettivo: il reinserimento lavorativo.

I consulenti Adecco sanno orientarsi fra le politiche attive del lavoro attualmente in vigore nelle diverse Regioni e possono consigliarti il percorso migliore.

Tra le politiche attive a livello nazionale rientra:

Garanzia Giovani - Youth Guarantee – è un progetto che coinvolge tutti i paesi europei ed è indirizzato ai disoccupati Under 30 non inseriti in percorsi di formazione. Si propone di offrire ai candidati servizi orientativi e formativi personalizzati, in più, prevede incentivi economici di vario tipo. 

Politiche attive del lavoro: la differenza con le politiche passive

Come abbiamo visto, le politiche attive del lavoro sono finalizzate all’inserimento del soggetto nel mondo del lavoro. Le politiche passive, invece, puntano a fornire un sostegno al reddito