Digital Reputation e Social Recruiting

Digital Reputation e Social Recruiting: ecco perché è importante mostrare sempre il "profilo" migliore
Articoli

Cosa s’intende per Digital Reputation?

Quello che pubblichi sui social e l’uso che ne fai è molto più importante di quanto tu possa immaginare. Non è un fatto privato: è pubblico per milioni di persone. E soprattutto è alla portata dei Recruiter, dei responsabili HR, del tuo attuale datore di lavoro e di quello futuro. I Social sono uno strumento fondamentale per il tuo Personal Branding, rappresentato da quell’insieme di contenuti che pubblichi online e che raccontano chi sei e cosa fai nella vita: utilizzarli al meglio servirà a farti buona pubblicità. La Digital Reputation, ovvero l’immagine che ognuno di noi si costruisce sulla rete, tramite le condivisioni di materiale e discussioni su forum, blog e più recentemente sui Social Network, è un territorio in cui molti si avventurano senza rendersi veramente conto di quello a cui vanno incontro. Per questo motivo, quando cerchi lavoro è importante non sottovalutare l’immagine che emerge di te dai Social e Professional Network e, più in generale, dalla rete. La cura della Digital Reputation può fare la differenza quando si tratta di mettere in evidenza il proprio curriculum vitae in mezzo a tanti, in un contesto in cui il Social Recruiting, ovvero la ricerca di candidati attraverso i Social Network, diventa sempre più centrale nel mondo HR.


Quanto la Digital Reputation condiziona il tuo percorso professionale?

Questo significa che, ogni volta che invii un curriculum per un’offerta, è molto probabile che il selezionatore, una volta verificata l’attinenza del tuo profilo con la Job Description, ricerchi traccia di te sui principali Social Network:

  • Facebook
  • LinkedIn
  • Twitter
  • Instagram

Stai dunque attento a quello che pubblichi, agli argomenti che tratti e soprattutto controlla attentamente il livello di privacy dei tuoi account (ovvero chi può vedere cosa). Il consiglio che ti diamo è il seguente: gestisci correttamente il tuo profilo LinkedIn, partecipando attivamente alle discussioni di tuo interesse e creandoti un network funzionale a mettere in risalto le tue competenze professionali. La parte più importante del tuo profilo è ovviamente quella che fa riferimento alle esperienze lavorative, ma non tralasciare di segnalare i premi, i riconoscimenti e i progetti portanti avanti nella tua carriera, nonché le attitudini personali. 


Hai mai provato a Googlare il tuo nome?

Per non vanificare quanto detto finora, è importante ricordare che spesso i primi risultati che si ottengono digitando il tuo nome su Google fanno riferimento a Facebook, luogo dove è fin troppo facile darsi all’eccesso e travalicare certi limiti, anche involontariamente. Presta molta attenzione a elementi quali foto profilo e informazioni personali. Certamente i selezionatori sono ben consci del carattere ricreativo di Facebook rispetto a LinkedIn, ma la presenza sulla tua bacheca di contenuti turpi, di cattivo gusto o in aperto contrasto con le politiche aziendali, non deporrebbe certo a tuo favore. Un Recruiter su tre ammette infatti di aver scartato un curriculum ritenuto valido dopo aver visto i contenuti pubblicati online dal candidato. Il Web 2.0 è una risorsa fantastica, ma di difficile gestione, non farti trovare impreparato.   

Come comportarsi dunque sui Social?

Abbiamo provato a riassumere le attenzioni da avere sui social e gli errori da non commettere.

Le 5 cose da fare per migliorare la propria Digital Reputation:

  • Avere profili aggiornati: il profilo deve essere completo di informazioni. Per ampliare la rete dei contatti è utile controllare chi ha consultato il nostro profilo.
  • La foto profilo: è la prima cosa che appare quando viene visualizzata la nostra pagina, deve trasmettere professionalità! Evitiamo foto fuori luogo e in contesti inadeguati.
  • Controllare la propria attività sul web: digitando il nostro nome sul web possiamo cancellare vecchi account ed eliminare contenuti passati che potrebbero rovinare la reputazione.
  • Separare gli account dei social: per motivi non lavorativi è opportuno creare account con nickname o con solo il nome di battesimo. Il nome completo riserviamolo per gli account professionali.
  • Seguire i profili delle aziende di nostro interesse: in molti utilizzano i social network per cercare personale, è quindi, consigliabile seguire i profili delle attività che ci interessano. 

Le 5 cose da non fare con i propri profili Social:

  • Trascurare i profili sui social network
  • Dimenticare di filtrare i contenuti: ciò che si pubblica sul web rimane online per molto tempo. Evitiamo contenuti inopportuni. 
  • Trascurare le impostazioni sulla privacy: è importante che solamente gli amici possano vedere il contenuto della bacheca. Lasciamo pubbliche solo le informazioni necessarie. 
  • Usare un linguaggio volgare: anche avendo l’impostazione privacy è possibile che un post venga letto da chi non vorremmo, rovinando la reputazione. 
  • Parlare male degli altri: le aziende cercano dipendenti professionali. Non parliamo male degli altri anche se non facciamo più parte di una determinata attività. 

Per approfondire questi temi e comprendere il ruolo della Digital Reputation e del Social Recruiting quando si tratta di cercare lavoro e candidati da inserire in azienda, puoi leggere le infografiche che raccolgono i dati delle indagini, anno per anno:


Articolo scritto da Mariangela Lupi, Head of Humanity, Development & Education Department di The Adecco Group

Articoli correlati

Cosa fare se il datore di lavoro nega la richiesta di permesso
Il datore di lavoro può negare un permesso al dipendente? Ecco cosa stabilisce la legge e come comportarti in caso di permesso negato.
Altro
Professioni e retribuzioni: quanto si guadagna in Italia?

Quali sono gli stipendi medi previsti per le principali professioni? Scopri su Adecco quanto guadagnano i lavoratori in Italia.

Altro