Quando puoi chiedere un'aspettativa per motivi personali

Scopri quando e come richiedere un periodo di aspettativa per motivi personali al tuo datore di lavoro e in quali casi l'aspettativa è retribuita.
Articoli

I permessi di lavoro e i congedi non sono gli unici strumenti di astensione dal lavoro di cui il dipendente può usufruire. Sia nel settore pubblico che nel settore privato, è un diritto del lavoratore richiedere un periodo di aspettativa (che può essere retribuita o non retribuita, a seconda delle situazioni).

Aspettativa dal lavoro: che cos’è

L’aspettativa consiste nella possibilità per il lavoratore subordinato di assentarsi dal lavoro, anche per un periodo medio-lungo, conservando il suo impiego, e senza incorrere in sanzioni disciplinari o nel licenziamento.

L’aspettativa può essere richiesta:

  • per assistere familiari disabili (Legge 104): i genitori con figli fino a 12 anni, in condizione di handicap grave, possono chiedere un'aspettativa retribuita fino a 3 anni;
  • per svolgere il mandato a seguito dell’assunzione di cariche pubbliche elettive: l’aspettativa non è retribuita, ma consente di conservare il proprio posto di lavoro;
  • quando si viene ammessi ad un dottorato: in questo caso, l’aspettativa viene riconosciuta solo ai dipendenti pubblici, a patto che abbiano conseguito il titolo di dottore di ricerca o siano iscritti a corsi di dottorato per almeno un anno accademico (l’aspettativa è retribuita solo in caso di dottorati senza borsa);
  • per avviare un’attività imprenditoriale o professionale: l’aspettativa, anch’essa riservata ai dipendenti pubblici, non può eccedere i 12 mesi;
  • ricongiungimento con il coniuge all’estero (aspettativa non retribuita);
  • formazione: i lavoratori con almeno cinque anni di anzianità presso l’impresa hanno diritto ad un’aspettativa non retribuita di 11 mesi, anche frazionati;
  • volontariato, e dunque per attività di soccorso e assistenza a seguito di calamità e catastrofi, oppure per partecipare ad attività di pianificazione delle emergenze: l’aspettativa può durare fino a 30 giorni nell’arco di un anno, con retribuzione a carico dell’autorità di protezione civile competente;
  • accedere alle terapie di disintossicazione offerte dal SSN.

L’aspettativa per motivi personali

I lavoratori con contratto a tempo indeterminato possono chiedere inoltre un’aspettativa di 12 mesi per particolari motivi personali o familiari. Non retribuita, l’aspettativa può essere anche frazionata. Esempi di aspettativa per motivi personali sono la nascita di un nipotino, la ristrutturazione della casa. Non è infatti necessario che si verifichi un evento grave: è sufficiente il sussistere di una situazione che il lavoratore giudica di particolare rilievo, e che può soddisfare solamente astenendosi dal lavoro.

In caso di aspettativa non retribuita per motivi personali, dunque, il lavoratore non percepisce alcuno stipendio e non beneficia degli scatti d’anzianità, non versa i contributi previdenziali e non matura ferie.

La richiesta deve essere avanzata al proprio datore di lavoro, o all’ufficio Risorse Umane presenti in azienda, seguendo i termini previsti dal Contratto Collettivo di riferimento.

La richiesta deve contenere:

  • la durata dell’aspettativa;
  • le motivazioni;
  • le eventuali richieste aggiuntive (es. unione di ferie e permessi al periodo d’aspettativa).

L’aspettativa per motivi personali può essere richiesta dai lavoratori con contratto a tempo indeterminato, dipendenti pubblici e privati, compatibilmente con le esigenze organizzative o di servizio dell’azienda. Sono esclusi:

  • i lavoratori a tempo determinato;
  • i lavoratori con contratto di formazione e lavoro.

 

Articoli correlati

Come rispondere quando chiedono 3 aggettivi per descriverti

Come rispondere quando ti chiedono quali sono 3 aggettivi positivi e negativi per descriverti durante i colloqui di lavoro? Ecco come raccontarti al meglio.

Altro
4 consigli per scrivere una mail di candidatura spontanea efficace

Ecco cosa scrivere in una mail di candidatura spontanea dall'oggetto e-mail alla conclusione. Segui i nostri consigli ed esempi per farti notare dalle aziende.

Altro