Come affrontare un colloquio

Tutto quello che devi sapere per fare centro al primo colloquio di lavoro
Guide
La fatidica data del colloquio sta per arrivare, sei agitato vero? Tranquillo, è più che normale! 
Anzi è una cosa positiva, significa che stai prendendo molto seriamente quest’opportunità. Beh, certo, se inizi ad avere i sudori freddi e le vertigini dovresti rilassarti un pochino!! Su, fai un bel respiro, e leggi qui sotto. Scoprirai che riuscire ad affrontare al meglio un colloquio è molto più facile di quello che pensi.
Un colloquio di lavoro è un invito da parte di un potenziale datore di lavoro che è interessato a conoscere e valutare un candidato, sia sul fronte personale che professionale. I colloqui di lavoro non sono mai identici al 100%, ma hanno comunque alcune caratteristiche in comune: conoscendole, aumenterai le probabilità di non sbagliare e diventerai un vero esperto su come affrontare un colloquio. 
Chi conduce l'intervista si basa spesso su quanto è scritto nel tuo curriculum vitae ed in sede di colloquio potrebbe essere molto utile portarlo con te aggiornato con tutti i dettagli più recenti. 
Per partire col piede giusto arriva lievemente in anticipo (cinque o dieci minuti prima) piuttosto che in ritardo, ed evita di farti accompagnare da amici o parenti.
In sala d’attesa
Una volta arrivato sul luogo del colloquio, spegni il cellulare e prenditi qualche minuto per guardarti intorno, al fine di cogliere alcune informazioni sull'azienda e metterti a proprio agio. Già la sala d’aspetto (un ingresso, un ufficio, la sala relax) in cui si attende il responsabile che condurrà il colloquio è uno spazio utile per cogliere dettagli inerenti l’azienda, scorgere futuri potenziali colleghi, carpire lo stile del posto di lavoro .Ricordati di maturare consapevolezza sul tuo modo di stare seduto, e se ci sono riviste da sfogliare, meglio preferire quelle professionali e di settore.
L’incontro con il selezionatore
Presentarsi al recruiter con una stretta di mano decisa (non troppo forte) garantirà un buon primo impatto. Quindi è fondamentale cercare di non innervosirsi, rimanere composti e non agitare troppo le mani mentre si parla, evitando di giocherellare con i capelli, gli accessori o la cancelleria, e mantenendo lo sguardo di chi è di fronte. Se ti trovi di fronte a più persone, cerca di guardare durante il colloquio un po’ tutti, e di mantenere sempre una postura corretta, non accasciata, evitando braccia conserte e mani nelle tasche.
Il momento del colloquio di lavoro è naturalmente fonte di stress, e di ciò i selezionatori sono pienamente consapevoli. Anche per loro, tuttavia, la situazione non è semplice: hanno il compito di cogliere quanti più dettagli possibili inerenti il candidato in poco tempo, individuando la risorsa migliore per una posizione, spesso tra centinaia e centinaia di candidature, con il rischio di inserire in azienda una risorsa non completamente idonea per un determinato ruolo.
Come rispondere alle domande del colloquio
La prima domanda è molto spesso quella che invita a parlare di se stessi, per questo un buon consiglio è preparare una presentazione di tre minuti, con i dettagli della propria carriera, i collegamenti tra le varie posizioni ricoperte, i periodi e percorsi formativi. La persona con cui stai parlando vorrà conoscere anche altri tuoi aspetti più personali: da dove vieni, i tuoi interessi e le tue migliori qualità.
Esercitarsi sulle domande può aiutare ad essere più sicuri quando verranno realmente poste: “Che cosa sa fare bene?”, “Quali sono i suoi punti deboli?”, “Che traguardi ha raggiunto?”, “Perché dovremmo scegliere lei?”. 
È possibile che capitino domande fatte apposta per valutare la capacità del candidato di gestire le difficoltà quindi non bisogna andare nel panico e mostrare capacità di ragionamento anche se non si possiede la risposta corretta (spesso non c’è). Altro comportamento corretto  e valutato positivamente dal recruiter è quello di porre domande pertinenti sul lavoro in questione e l’azienda (nel primo colloquio è sempre preferibile evitare riferimenti alla paga se non direttamente interrogati dal recuiter). 


Guarda il video che spiega come comportarsi al colloquio

Ora che sono chiari i trucchi per arrivare preparati al colloquio e per affrontarlo nel migliore dei modi, che ne dite di saperne di più su come gestire lo stress dopo il colloquio e sui vari tipi di colloquio che vi possono capitare?

Articoli correlati

Assessment: che cos’è e come affrontarlo

L’assessment è una metodologia di valutazione del personale per individuare l’insieme delle caratteristiche comportamentali, delle attitudini, delle capacità e competenze individuali proprie di ogni risorsa.

In altre parole, le aziende utilizzano sempre di più gli assessment perché in questo modo possono valutare come si comporta il candidato in un contesto sociale di più persone, aspetto fondamentale se la posizione da ricoprire prevede la collaborazione all’interno di un team.

Altro
Il colloquio telefonico
Sempre più spesso a un primo colloquio telefonico, segue la video intervista 123.

Altro