Quando si è in procinto di assumere una nuova risorsa, conoscere le sue esperienze passate e visionare il suo Curriculum può non bastare. Soprattutto se si parla di ruoli di rilievo, è importante analizzare le referenze di un candidato.

Che cosa sono le referenze lavorative?

Di norma ci si riferisce a professionisti, con una posizione di rilievo, che hanno interagito con il candidato durante la sua esperienza lavorativa. Qualora si interrompesse il rapporto lavorativo, il lavoratore uscente può chiedere una lettera di referenze da mostrare al nuovo datore di lavoro, il quale può contattare il professionista per richiedere maggiori informazioni.

Come funzionano le referenze lavorative?

Alcuni candidati le inseriscono direttamente nel Curriculum, in una sezione ad hoc, coerentemente con il ruolo per cui si candidano. Il loro obiettivo è quello di rassicurare il datore di lavoro circa le competenze professionali del candidato, e dimostrare che si ha già ricoperto un ruolo simile ottenendo risultati positivi. Se invece le referenze non sono presenti nel CV, come le si possono chiedere?

Come ottenere le referenze dei potenziali dipendenti

Per valutare un candidato, le referenze svolgono un ruolo cruciale. In quanto consentono di confermare quanto il potenziale dipendente ha affermato in fase di colloquio, chiarire eventuali dubbi e attuare una valutazione obiettiva.

Se il Curriculum Vitae non le riporta, è possibile contattare l’azienda in cui ha prestato lavoro in precedenza il candidato, chiedendo ad esempio di parlare con il suo responsabile oppure direttamente con l’ufficio Management, a seconda delle dimensioni aziendali e del ruolo svolto.

Una volta individuato il contatto a cui telefonare, è necessario prepararsi così da porgli tutte le domande utili: per quanto tempo ha lavorato in azienda il candidato e con quale ruolo? Quali erano le sue responsabilità e quali sono stati i risultati raggiunti? Come si rapportava con clienti e superiori? Quali sono i suoi punti di forza e di debolezza? Inoltre, è possibile (ed è utile) chiedere referenze sullo stipendio: sulla retribuzione, i Bonus, i Benefit e i premi produzione.

Come controllare le referenze?

Se invece sono presenti nel Curriculum, è sempre importante verificarle. Un Head Hunter con diversi anni di esperienza alle spalle riuscirà a capire se le informazioni riportate sono state “gonfiate” o inventate, ponendo al candidato le giuste domande in fase di colloquio.

In alternativa, è possibile controllarle mettendosi in contatto con le persone indicate come rilevanti nel CV: il suo supervisore, i colleghi, i referenti delle risorse umane. È sempre fondamentale chiedere prima il consenso al candidato (poiché l’azienda, ad esempio, potrebbe non essere a conoscenza della sua volontà di cambiare lavoro).

Come selezionare nuovi dipendenti?

Sei in cerca di nuove risorse da inserire nel tuo organico?

Il servizio Recruitment Consulting di Adecco ti permette di avere a tua disposizione un Team di professionisti per le attività di ricerca e selezione del personale.

Scopri tutti i nostri servizi: avrai la possibilità di avere i nostri Recruiter più esperti direttamente nella tua azienda.