Agevolazioni assunzioni 2022: guida agli incentivi per le aziende

Le agevolazioni per le assunzioni, di tipo finanziario e fiscale, sono integrate nel sistema economico italiano per favorire l’occupazione. Gli incentivi per il lavoro sono previsti dal Governo e hanno una duplice funzione:

  • aiutare le persone a trovare un impiego;
  • fornire alle imprese lavoratori qualificati e sgravi fiscali.

In questa guida sulle agevolazioni assunzioni 2022 trovi una sintesi dei principali incentivi alle imprese previsti dalla Normativa nazionale per il 2022 e che prevedono la riduzione o l’azzeramento degli oneri contributivi così come l’erogazione diretta di un contributo per l’assunzione di personale.

Gli sgravi fiscali per le assunzioni sono previsti dallo Stato per facilitare l’inserimento in azienda di persone che rispondono a particolari requisiti, normalmente definiti “lavoratori svantaggiati”, e permettono di contenere il costo del lavoro per le imprese. Inoltre, alcune agevolazioni sono cumulabili tra loro.

 

Quando il datore di lavoro può richiedere le agevolazioni per assunzioni?

Gli incentivi per il lavoro possono essere richiesti dal datore di lavoro a patto che:

  • non sia in corso una crisi dell’impresa o una riorganizzazione aziendale, a meno che le nuove assunzioni non riguardino ruoli diversi da quelli dei lavoratori sospesi o spostati su altre mansioni;
  • non assuma lavoratori licenziati nei sei mesi precedenti da un datore di lavoro con assetti proprietari coincidenti con i suoi;
  • l’assunzione sia spontanea e rispetti la Legge italiana e il CCNL di riferimento;
  • invii la comunicazione obbligatoria (Comunicazione Unilav);
  • sia in regola con il Documento Unico di Regolarità Contributiva (DURC).

 

Incentivo strutturale all’occupazione giovanile

Sono in vigore Bonus e incentivi per le assunzioni 2022 rivolte a datori di lavoro che scelgono di assumere giovani Under 36 che non hanno mai avuto un contratto a tempo indeterminato durante l’intera carriera lavorativa.

L’agevolazione permette di:

  • assumere a tempo determinato o indeterminato un lavoratore con età inferiore a 36 anni;
  • beneficiare di uno sgravio fiscale del 100% sui contributi INPS, nel limite di 6.000 euro annui (500 euro mensili, 16,12 euro giornalieri).

La scadenza per l’invio della richiesta è stata fissata al 30 giugno 2022 e dal 2023 l’incentivo strutturale all’occupazione giovanile riguarderà gli Under 30.

 

Agevolazioni per l'alternanza scuola-lavoro

Se l’impresa assume lo studente che ha svolto un apprendistato o ha effettuato almeno il 30% delle ore di alternanza scuola-lavoro presso la propria impresa può godere di uno sgravio fiscale del 100% sui contributi previdenziali.

Condizione necessaria per ottenere l’agevolazione per alternanza scuola-lavoro è che l’assunzione deve avvenire entro 6 mesi dall’acquisizione del titolo di studio da parte dello studente.

Lo sgravio viene riconosciuto sia in caso di contratto a tempo indeterminato che in caso di contratto di apprendistato ed è fissato nel limite di 3.000 euro/anno per 36 mesi.

 

Incentivo per il settore agricolo

L’impresa agricola o il coltivatore diretto Under 40 che assume nuovi dipendenti è esonerato per 24 mesi dal versamento contributivo presso l'Assicurazione generale obbligatoria per l'invalidità, la vecchiaia e i superstiti.

 

Bonus assunzioni per apprendisti

I datori di lavoro con meno di nove dipendenti che assumono un dipendente con contratto di apprendistato sono esentati per tre anni dal versamento dei contributi legati al nuovo lavoratore assunto.

 

Incentivi per l’assunzione di personale con Reddito di Cittadinanza

È previsto un esonero del versamento dei contributi previdenziali ed assistenziali a carico del datore di lavoro e del lavoratore fino ad un massimo di 780 euro/mese in caso di assunzione di un lavoratore con RdC con contratto a tempo determinato, indeterminato, di apprendistato, pieno o parziale).

Lo stesso incentivo viene riconosciuto a chi - titolare da massimo 36 mesi del Reddito di Cittadinanza - avvia un’attività autonoma, un’impresa individuale o una società cooperativa. Se l’attività viene avviata nei primi 12 mesi del RdC, si ottiene un ulteriore Bonus pari a 6 mensilità del Reddito (fino a un massimo di 780 euro).

 

Bonus assunzione per Cassaintegrati e disoccupati

Il datore di lavoro che assume a tempo pieno e indeterminato un lavoratore in Cassa Integrazione Guadagni Straordinaria (CIGS) da almeno tre mesi può beneficiare di una riduzione dell’aliquota contributiva per 12 mesi che dovrà essere versata nella misura del 10%.

Assumendo a tempo indeterminato un soggetto con ulteriori 12 mesi di CIGS previsti dalla Legge di Bilancio 2022, il datore di lavoro riceve inoltre un contributo mensile pari al 50% del trattamento straordinario che sarebbe stato pagato al lavoratore, per un massimo di 12 mesi.

L’impresa che assume invece personale titolare di NASpI gode di un contributo mensile pari al 20% dell’indennità di disoccupazione residua che sarebbe stata versata al lavoratore.

 

Bonus assunzione per donne e Over 50

Il Bonus assunzione Over 50 si rivolge alle imprese che assumono lavoratori di età superiore ai 50 anni e disoccupati da almeno 12 mesi. I versamenti contributivi sono ridotti del 50% per 12 mesi, dell’80% se il contratto viene trasformato da tempo determinato a tempo indeterminato, o se viene stipulato un nuovo contratto a tempo indeterminato.

Il Bonus assunzione donne, il cui sgravio è analogo a quello del Bonus assunzione Over 50, viene riconosciuto al datore di lavoro che assume donne:

  • over 50 e disoccupate da almeno 12 mesi;
  • di qualsiasi età, senza retribuzione da almeno 6 mesi e residenti in una Regione che beneficia dei fondi strutturali dell’UE;
  • che lavorano in settori caratterizzati da una forte disparità di genere, a prescindere dall’età e senza un impiego regolarmente retribuito da almeno 6 mesi;
  • prive di un’occupazione retribuita da almeno 24 mesi.

 

Incentivo assunzione per giovani genitori

L’impresa che assume a tempo indeterminato, anche part-time, un lavoratore Under 35 con figlio minorenne a carico ha diritto a un Bonus una tantum di 5.000 euro (per un massimo di cinque assunzioni).

Per il 2022 è stata inoltre introdotta in via sperimentale la decontribuzione a favore delle lavoratrici madri. Per un anno, calcolato dal rientro della lavoratrice dopo il congedo di maternità, il datore di lavoro può usufruire di una riduzione del 50% dei contributi previdenziali a suo carico.

 

Agevolazioni per assunzioni nelle aree svantaggiate

La “Decontribuzione Sud” prevede un esonero contributivo parziale per le aziende del settore privato operanti in Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia.

L’agevolazione consiste in un esonero del:

  • 30% dei contributi da versare fino al 31 dicembre 2025;
  • 20% per i contributi degli anni 2026-2027;
  • 10% dei contributi da versare nel 2028 e nel 2029.

 

Altri incentivi 2022 per le aziende

Esistono inoltre altri tipi di incentivi che riassumiamo qui di seguito:

  • uno sgravio contributivo pari al 70% della retribuzione mensile lorda imponibile ai fini previdenziali, per 36 mesi, per le imprese che assumono a tempo indeterminato un lavoratore con disturbi dello spettro autistico;
  • uno sgravio contributivo parziale pari all’1% annuo, fino a un massimo di 50.000 euro per le aziende del settore privato con certificazione della parità di genere;
  • un esonero contributivo a favore del settore delle agenzie di viaggio e dei tour operator. Tali esercizi sono esonerati dal versamento contributivo fino a un massimo di cinque mesi, anche non continuativi, relativi al periodo di competenza aprile-agosto 2022.

Per le aziende che scelgono di accedere alle agevolazioni 2022 per le imprese, le agenzie per il lavoro come Adecco rappresentano una risorsa importante perché permettono all’azienda di mettersi in contatto con le tipologie di lavoratori appartenenti alle categorie discusse in questo approfondimento, fornendo consigli, sviluppando opportunità di lavoro e di formazione in modo rapido e professionale.

Adecco è quindi l’agenzia per il lavoro che facilità la ricerca di personale qualificato e professionale da inserire in organico per le aziende che vogliono usufruire degli incentivi assunzioni 2022.