10 consigli per trovare lavoro


Trovare lavoro, o cambiare quello che si ha, richiede tempo e consapevolezza delle proprie competenze. Per presentarsi al meglio ai recruiter, distinguersi e cogliere le opportunità in linea con il proprio profilo, abbiamo preparato un decalogo con alcuni consigli da non perdere di vista.

1. Migliora il tuo CV
Sintetico, chiaro e semplice: è così che dev’essere un curriculum per risultare efficace. Non superare le 2-3 pagine e prediligi un formato tradizionale, maggiormente personalizzabile rispetto a quello europeo (a parte i casi in cui quest’ultimo non sia espressamente richiesto). Rileggi il tuo CV più volte e fallo leggere a un amico per assicurarti che non ci siano refusi ed errori ortografici.

2. Personalizza la lettera motivazionale
Bastano 10 righe, ma sono ciò che ti permette di distinguerti dagli altri e dire perché sei proprio la persona giusta per quel posto. Dividi la lettera in tre brevi sezioni: la prima, introduttiva, per indicare l’annuncio o la posizione per cui ti stai candidando; la seconda per spiegare sinteticamente e in modo discorsivo le tue precedenti esperienze; la terza per dare spazio alle tue motivazioni e al tuo entusiasmo.

3. Continua ad aggiornarti
Sia che tu stia lavorando, sia che tu stia cercando un’occupazione, mantieni la mente allenata. Corsi di formazione, master, workshop (online e offline)  ti rendono appetibile e competitivo sul mercato. Dedica loro del tempo e inseriscili nel CV per dimostrare di essere curioso e davvero interessato al tuo settore di riferimento.

4. Renditi rintracciabile
Nel  CV, ed eventualmente in calce alla tua lettera motivazionale, metti in bella vista i tuoi dati personali e i tuoi riferimenti (telefono, email, Skype, LinkedIn) per essere ricontattato. Inviata la candidatura, tieni sempre a portata di mano telefono e controlla l'email. Non farti cogliere impreparato di fronte alla telefonata del recruiter: il colloquio inizia da lì.

5. Leggi con attenzione gli annunci di lavoro
Evita di inviare CV in massa. Leggi attentamente gli annunci mettendo in evidenza, nella tua candidatura, le skill che realmente possiedi e personalizza il tuo CV in base ai requisiti richiesti dall’offerta.

6. Sfrutta i social e professional network
7 recruiter su 10 usano i social e professional network per cercare candidati o verificare la loro identità online (scopri di più nella nostra ricerca sul #SocialRecruiting). Per questo occorre curare al meglio i propri profili social, settare correttamente i livelli di privacy decidendo chi può vedere cosa, evitare foto e post discutibili ed essere consapevoli dei risultati di Google quando si inseriscono nome e cognome sul motore di ricerca.

7. Coltiva la tua rete di contatti
Il passa parola è un ottimo alleato: quando inizi a cercare lavoro o decidi di volerne trovare uno nuovo, mettiti in contatto con ex colleghi, collaboratori, compagni di studi per far sapere che cerchi nuove sfide. I professional network come LinkedIn, inoltre, consentono di collegarsi con professionisti e recruiter e mettersi in mostra all’interno di gruppi e conversazioni, condividendo i propri interessi. Datti da fare!

8. Informati sull’azienda
Sito internet e profili social ti consentono di farti un’idea sull’azienda a cui hai inviato la tua candidatura. Dai un’occhiata alla storia, alla struttura, ai brand ed eventualmente ai Paesi in cui si trova. Al colloquio potrai dimostrare di esserti informato, e quindi di essere interessato a quel posto.

9. Durante il colloquio
Per fare buona impressione sul selezionatore cerca di arrivare 5 minuti in anticipo, portando con te una copia del CV e spegni il cellulare. Arriva preparato: ti verrà chiesto di raccontare di te. Sii sintetico, chiaro e metti in evidenza ciò che ogni esperienza lavorativa e formativa precedente ti ha consentito di imparare. Preparati alcune domande da rivolgere al recruiter: al primo incontro evita di parlare di compenso, ma informati sui tempi di selezione.

10. Entusiasmo e ambizione
Lascia che emergano quando ti presenti attraverso la candidatura e al momento del colloquio. Sii onesto: non millantare competenze che non possiedi, ma focalizzati sui tuoi punti di forza e mettili in evidenza. Ognuno ha delle qualità che lo contraddistinguono: lascia che ti aprano la porta per il lavoro dei tuoi sogni.


Hai superato il colloquio e stai per iniziare una nuova avventura professionale? Scopri nella nostra infografica i consigli per vivere al meglio il tuo #primogiornolavoro.